Privacy Policy

L’ortografia, questa sconosciuta!

alt=ortografia

Quando mi capita di dare lezioni di lingua italiana, noto che molti degli studenti hanno problemi soprattutto con l’ortografia.

Essendo studenti, la lacuna è ancora colmabile nella maggior parte dei casi, perché quando si è giovani e ancora dietro i banchi di scuola è più facile esercitarsi sulla lingua e migliorare in fretta. Cosa che purtroppo diventa difficile con l’avanzare degli anni.

Bisogna, quindi, cercare di risolvere i propri dubbi riguardo all’uso corretto della lingua italiana appena essi sorgono, senza paura di sembrare inadatti e impreparati. Quando si studia una nuova lingua o si perfeziona la propria, l’ignoranza è il punto di partenza verso una maggiore conoscenza dell’argomento. Quando non si interviene, si corre il pericolo di trascinarsi col tempo questi dubbi per tutta la vita, con la conseguenza che gli errori non smetteranno mai di invadere i nostri testi.

Trovare per caso un refuso su un testo è passabile, due a distanza di tante righe sono anche comprensibili, ma presentare un testo fitto di errori di ortografia induce il lettore ad abbandonare la pagina e a cambiare subito la propria opinione rispetto a chi propone un contenuto di bassa qualità.

È proprio così. Una buona ortografia ha la capacità di alzare il livello di qualità di un testo.

Ho pensato, quindi, di ribadire alcune regole di ortografia che oggi sembrano ignote ai più, sperando che possano esser utili a chi mi legge.

Qual è

Non bisogna assolutamente inserire un apostrofo tra qual ed è per una semplice ragione. In questo caso, qual non deriva dall’elisione della e finale di quale, ma è una parola tronca utilizzata soprattutto in testi poetici. La parola che subisce troncamento non vuole mai l’apostrofo. Chiarito questo, l’espressione non presenta l’apostrofo anche all’imperfetto. Ho spesso letto testi in cui la regola era rispettata soltanto con la terza persona singolare del presente e violata all’imperfetto. Vi basti ricordare che col verbo essere si usa sempre il qual tronco.

Accento acuto o accento grave?

L’accento grave, quello della è verbo, per intenderci, si usa per indicare un suono aperto, invece l’accento acuto, quello che dovreste sempre mettere su parole come perché, poiché, sé, indicante un suono chiuso. In italiano, di solito, non si segna l’accento tonico sulle parole, ovvero sulla sillaba su cui cade l’accento, a meno che non ci troviamo in casi di due omografi il cui significato potrebbe non esser chiaro nel contesto in cui è utilizzato.

Gli accenti da evitare assolutamente

Su parole come sto, sta, fu, so è vietato indicare l’accento e ve ne potreste accorgere facilmente quando scrivete su un foglio elettronico con la correzione automatica attivata. La linea rossa indica appunto che la forma con accento non è accettata nella lingua italiana!

Il verbo dare

Il verbo dare richiede un accento obbligatorio nella terza persona singolare del presente indicativo, , necessario per distinguere il verbo dalla preposizione semplice da. Detto questo, gli altri accenti sono facoltativi. Riguardo alla questione sull’accento della forma do, rimando per correttezza ad un articolo della Treccani.

È davvero difficile per un parlante italiano confondere la nota musicale do con la forma del verbo, per questo non sembra necessario dover sottolineare con l’indicazione dell’accento la presenza di un verbo. Ho letto che, ultimamente, molti insegnanti vorrebbero sfruttare l’analogia dà/dò per fissare la regola nella mente degli studenti, e magari potrebbe funzionare. Spesso, quando si studia una lingua, compromessi del genere sono necessari se per un buono scopo. Non sarebbe più semplice, però, spiegare agli studenti che l’accento ha un valore distintivo tra forma atona e tonica, focalizzandosi sulla funzione logica dei due termini? Solo un consiglio spassionato.

Non confondere l’apocope con l’accento!

Il simbolo grafico dell’accento è, appunto, l’accento acuto, grave o circonflesso. Quando si ha l’incontro tra due vocali, con conseguente caduta della prima vocale, la caduta si indica con l’apostrofo. Questo simbolo è utilizzato anche in caso di apocope, ovvero quando si verifica la caduta di vocale o di una sillaba indipendentemente dall’incontro con un’altra parola. È assolutamente sbagliato scambiare i due segni e usare l’accento nelle forme dell’imperativo come fa’, di’, o in parole come po’, mo’, be’ le quali sono il risultato della caduta della vocale finale.

Eccezione: l’unica parola che ha subito troncamento, che regolarmente non è indicato da alcun segno, presenta l’accento,  ed è piè (piede).

Elisione a fine di riga

So bene che quando si scrive su un foglio e si arriva alla fine della riga molti iniziano a sudare e a pensare a quale sia il modo più semplice per proseguire sulla riga successiva quando si ha un’elisione in corso. Molti preferiscono evitare di finire una riga con un l’apostrofo ma oggi, per motivi tipografici e visto che si ricorre spesso a questa soluzione anche quando si scrive per il web, è più che accettabile. Risulta foneticamente forzato, invece, il ripristino della vocale elisa a fine riga. Nei casi in cui sia possibile, si consiglia di ricorrere alla divisione in sillabe, spesso ignorata ma che torna utile non solo quando si scrive ma anche quando si impara a leggere una nuova lingua. Saper riconoscere le sillabe che costituiscono le parole è fondamentale per riuscire a pronunciare le lunghissime parole tedesche, ma anche per comprendere bene la fonetica inglese o francese.

Se hai dei dubbi riguardo alla divisione in sillabe, puoi anche consultare siti come questo e risolverli in tempo!

Se avete dei dubbi riguardo a queste regole che ho esposto, fatemelo sapere! Nel prossimo articolo dedicato alla lingua italiana parlerò di…Punteggiatura!

A presto!

 

 

 

 

 

 

Fields marked with an * are required

Dimmi cosa ne pensi!

Traduttori Certificati
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: