alt=ortografia

L’ortografia, questa sconosciuta!

Quando mi capita di dare lezioni di lingua italiana, noto che molti degli studenti hanno problemi soprattutto con l’ortografia.

Essendo studenti, la lacuna è ancora colmabile nella maggior parte dei casi, perché quando si è giovani e ancora dietro i banchi di scuola è più facile esercitarsi sulla lingua e migliorare in fretta. Cosa che purtroppo diventa difficile con l’avanzare degli anni.

Bisogna, quindi, cercare di risolvere i propri dubbi riguardo all’uso corretto della lingua italiana appena essi sorgono, senza paura di sembrare inadatti e impreparati. Quando si studia una nuova lingua o si perfeziona la propria, l’ignoranza è il punto di partenza verso una maggiore conoscenza dell’argomento. Quando non si interviene, si corre il pericolo di trascinarsi col tempo questi dubbi per tutta la vita, con la conseguenza che gli errori non smetteranno mai di invadere i nostri testi.

Trovare per caso un refuso su un testo è passabile, due a distanza di tante righe sono anche comprensibili, ma presentare un testo fitto di errori di ortografia induce il lettore ad abbandonare la pagina e a cambiare subito la propria opinione rispetto a chi propone un contenuto di bassa qualità.

È proprio così. Una buona ortografia ha la capacità di alzare il livello di qualità di un testo.

Ho pensato, quindi, di ribadire alcune regole di ortografia che oggi sembrano ignote ai più, sperando che possano esser utili a chi mi legge.

Qual è

Non bisogna assolutamente inserire un apostrofo tra qual ed è per una semplice ragione. In questo caso, qual non deriva dall’elisione della e finale di quale, ma è una parola tronca utilizzata soprattutto in testi poetici. La parola che subisce troncamento non vuole mai l’apostrofo. Chiarito questo, l’espressione non presenta l’apostrofo anche all’imperfetto. Ho spesso letto testi in cui la regola era rispettata soltanto con la terza persona singolare del presente e violata all’imperfetto. Vi basti ricordare che col verbo essere si usa sempre il qual tronco.

Accento acuto o accento grave?

L’accento grave, quello della è verbo, per intenderci, si usa per indicare un suono aperto, invece l’accento acuto, quello che dovreste sempre mettere su parole come perché, poiché, sé, indicante un suono chiuso. In italiano, di solito, non si segna l’accento tonico sulle parole, ovvero sulla sillaba su cui cade l’accento, a meno che non ci troviamo in casi di due omografi il cui significato potrebbe non esser chiaro nel contesto in cui è utilizzato.

Gli accenti da evitare assolutamente

Su parole come sto, sta, fu, so è vietato indicare l’accento e ve ne potreste accorgere facilmente quando scrivete su un foglio elettronico con la correzione automatica attivata. La linea rossa indica appunto che la forma con accento non è accettata nella lingua italiana!

Il verbo dare

Il verbo dare richiede un accento obbligatorio nella terza persona singolare del presente indicativo, , necessario per distinguere il verbo dalla preposizione semplice da. Detto questo, gli altri accenti sono facoltativi. Riguardo alla questione sull’accento della forma do, rimando per correttezza ad un articolo della Treccani.

È davvero difficile per un parlante italiano confondere la nota musicale do con la forma del verbo, per questo non sembra necessario dover sottolineare con l’indicazione dell’accento la presenza di un verbo. Ho letto che, ultimamente, molti insegnanti vorrebbero sfruttare l’analogia dà/dò per fissare la regola nella mente degli studenti, e magari potrebbe funzionare. Spesso, quando si studia una lingua, compromessi del genere sono necessari se per un buono scopo. Non sarebbe più semplice, però, spiegare agli studenti che l’accento ha un valore distintivo tra forma atona e tonica, focalizzandosi sulla funzione logica dei due termini? Solo un consiglio spassionato.

Non confondere l’apocope con l’accento!

Il simbolo grafico dell’accento è, appunto, l’accento acuto, grave o circonflesso. Quando si ha l’incontro tra due vocali, con conseguente caduta della prima vocale, la caduta si indica con l’apostrofo. Questo simbolo è utilizzato anche in caso di apocope, ovvero quando si verifica la caduta di vocale o di una sillaba indipendentemente dall’incontro con un’altra parola. È assolutamente sbagliato scambiare i due segni e usare l’accento nelle forme dell’imperativo come fa’, di’, o in parole come po’, mo’, be’ le quali sono il risultato della caduta della vocale finale.

Eccezione: l’unica parola che ha subito troncamento, che regolarmente non è indicato da alcun segno, presenta l’accento,  ed è piè (piede).

Elisione a fine di riga

So bene che quando si scrive su un foglio e si arriva alla fine della riga molti iniziano a sudare e a pensare a quale sia il modo più semplice per proseguire sulla riga successiva quando si ha un’elisione in corso. Molti preferiscono evitare di finire una riga con un l’apostrofo ma oggi, per motivi tipografici e visto che si ricorre spesso a questa soluzione anche quando si scrive per il web, è più che accettabile. Risulta foneticamente forzato, invece, il ripristino della vocale elisa a fine riga. Nei casi in cui sia possibile, si consiglia di ricorrere alla divisione in sillabe, spesso ignorata ma che torna utile non solo quando si scrive ma anche quando si impara a leggere una nuova lingua. Saper riconoscere le sillabe che costituiscono le parole è fondamentale per riuscire a pronunciare le lunghissime parole tedesche, ma anche per comprendere bene la fonetica inglese o francese.

Se hai dei dubbi riguardo alla divisione in sillabe, puoi anche consultare siti come questo e risolverli in tempo!

Se avete dei dubbi riguardo a queste regole che ho esposto, fatemelo sapere! Nel prossimo articolo dedicato alla lingua italiana parlerò di…Punteggiatura!

A presto!

 

 

 

 

 

 

alt=Instagram

Alcune cose che dovresti sapere su Instagram

Parliamo di Instagram.

Instagram per me è un social media recente, l’ultimo che ho aperto, nel 2014, e l’ultimo per ordine di importanza, fino a poco tempo fa. Non me ne sono accorta presto dell’Importanza di Instagram perché, puntando tutto su Facebook e sulla possibilità di scrivere lunghi post senza i limiti di Twitter, le foto le avevo messe da parte.

Col senno di poi, oggi avrei una galleria più ricca e variegata, ma come spesso mi accade quando viaggio e vedo un posto per la prima volta ho dei seri problemi a fermarmi a scattare delle foto. Non godere di quello che vedo al momento a pieno mi fa sentire un’idiota, eppure la maggior parte delle persone non si fanno problemi a farsi prendere dall’ansia per scattare la foto instagrammabile del momento. I tempi cambiano e se vogliamo stare al gioco, vivere i social e lavorarci usarli e sperimentare è d’obbligo.

Quindi, ho iniziato a prendere sul serio Instagram e vi assicuro che ho fatto bene.

La comunicazione visiva, lo sanno pure i muri ormai, è quella oggi ha più successo perché semplice, immediata, universale. Quando non sapete cosa dire o non avete il tempo di creare un contenuto articolato o vincente, basta pubblicare una foto e salvarsi dal silenzio stampa.

Funziona sempre, o quasi. Instagram si basa principalmente sulle foto, anche se un testo introduttivo all’immagine è consigliabile perché permette di comunicare con i propri followers e creare una sorta di filo narrativo da portare avanti sul proprio profilo. Coerenza e coesione sono necessari anche quando si racconta una storia attraverso le immagini, non esistono differenze nette tra narratologia scritta e visiva.

Ma veniamo al dunque di questo post. Vi ho promesso delle dritte per usare al meglio Instagram (anche se non voglio certo sostituire Dario Vignali) e qui vi lascio una lista di cose che ho capito grazie alla mia esperienza di social media e qualcosa.

Instagram non è una galleria di immagini

Instagram non è Flickr, una community di proprietà di Yahoo per fotografi professionisti e non. Instagram non è nemmeno Google Immagini e neanche un sito da cui scaricare foto. Instagram è un social network. Se ci sei e non sfrutti l’aspetto social, ci sei solo a metà. Se ci sei per scaricare le foto altrui, rischi delle sanzioni molto severe, non violare il copyright!

Essere social su Instagram vuol dire che se vuoi ottenere popolarità, engagement e un seguito reale devi interagire con gli altri. Cuori e commenti sinceri sotto ai post che ti interessano attireranno l’attenzione anche sul tuo profilo.

Non caricare stock photo per almeno due motivi

A meno che tu non sia un fotografo professionista, la foto stock si nota e non attira nessuno perché è priva della tua personalità. Su Instagram la creatività batte la perfezione: sempre. Il secondo motivo è legato ai diritti di utilizzo delle immagini altrui. Bisogna sempre accertarsi di poterle utilizzare a proprio piacimento.

Esistono due tipi di utenti di Instagram

Chi non ne trae alcun giovamento se non quello di mostrare agli altri la propria vita e le foto dei suoi viaggi e chi apre un profilo o una pagina aziendale per promuovere un’attività o se stesso e, non ci crederei, spesso viene anche pagato per farlo. Soprattutto in questo secondo caso, bisogna pensarci due volte prima di pubblicare foto private sul proprio canale. Non si può certo costruire un profilo con post esclusivamente promozionali, ma nemmeno di foto a caso che non permettano di costruirti un’identità su Instagram. Prima di andare online bisogna pensare al proprio obiettivo e alla strategia per raggiungerlo, creando un piano editoriale che abbracci i diversi argomenti che vogliamo affrontare.

La nicchia

Se hai già una nicchia di tuo interesse, che sia fashion, food, travel o quello che vuoi, potrai certamente sperimentare nella pubblicazione dei post ma saranno i tuoi stessi followers a farti capire che se ti seguono per le foto dei viaggi che pubblichi, per loro una foto del nuovo rossetto acquistato con i saldi non è interessante. Per variare gli argomenti e non lasciarne traccia sulla galleria, prova a usare di più le IG stories. Ti dico questo perché, in genere, non è consigliabile pubblicare e poi eliminare un post dal proprio profilo.

Uso degli Hashtag

Gli hashtag sono delle categorie in cui vogliamo che le nostre foto appaiano. Non esiste un numero magico valido per rendere la foto più visibile. Si legge spesso che bisogna usare almeno 12 hashtag, ma questo numero non ha alcun valore. Ciò che è certo è che il muro di hashtag sotto una foto senza didascalia non è ben visto dagli utenti. Molti preferiscono scrivere gli hashtag nel primo commento sotto alla foto, ma non si può superare il numero di 30 hashtag, altrimenti è Instagram stesso a vietare la pubblicazione del commento. Se invece ne scrive più di 30 sotto alla foto, potrebbe succedere di esser momentaneamente bloccati da Instagram. Meglio evitare.

I Bot di Instagram

Chiariamo subito una cosa. I bot non sono il male assoluto e non vuol dire che un utente stia comprando dei followers inesistenti. Comprare pacchetti di followers indiani e likes un tanto al kg è una cosa diversa e facilmente sgamabile. Esistono alcuni bot in grado di inviare messaggi automatici ai nuovi followers che per un profilo aziendale potrebbero esser molto utili, o bot che semplicemente ci sostituiscono nell’attività di follow/defollow secondo i parametri che noi forniamo al bot. Siamo noi a decidere quali caratteristiche debba avere il profilo da aggiungere alla nostra cerchia e la macchina fa il resto, facendoci risparmiare tempo.

Veniamo al lato negativo dei bot.

Anche se alcuni sono molto efficaci, pensare di lasciare Instagram in balia di bot è da matti e non può che rovinare il nostro profilo. Il bot è un aiuto ma la persona deve monitorarlo, altrimenti ci ritroveremmo dei profili pieni di nuovi likes e followers che non conosciamo, messaggi a cui non abbiamo risposto da settimane e alcuni profili che ci interessavano eliminati dalla nostra lista.Gli utenti affezionati se ne accorgono e si vendicheranno! Da usare con attenzione.

Esiste l’orario perfetto in cui pubblicare?

alt= instagram analytics

Dopo aver sperimentato ogni orario di pubblicazione, inoltrandomi fino alle 3 del mattino solo perché non riuscivo a dormire e avevo voglia di provare i filtri su delle foto che avevo scattato in passato, vi svelo che no, non esiste un orario perfetto per tutti.Devi analizzare i tuoi followers, il loro fuso orario, e ricordarti che in genere nel fine settimana le persone sono meno attive sui social, così come durante gli orari d’ufficio. Se ti colleghi spesso in pausa pranzo, ricordarti che insieme a te anche gli altri utenti nel tuo stesso fuso orario stanno facendo una pausa e che magari per distrarsi stanno facendo un giro su Instagram.

Se hai un profilo aziendale, invece, la cosa più ovvia da fare è controllare le analytics di Instagram e vedere in quali orari in media i tuoi followers si trovano su instragram. Da queste analytics del mio profilo capisco che in media i miei followers non sono molto attivi dalle 2 fino alle 6 del mattino e che, invece, ho un’alta probabilità di trovarmeli online alle 14:00, così come alle 19:00.

Tutto quello che ho scritto non è definitivo. Ogni caso deve esser affrontato separatamente  perché solo voi conoscete il vostro pubblico! Detto questo, ve lo ripeto da scettica quale ero anche io all’inizio di questo percorso, Instagram è una cosa seria, soprattutto se avete un’attività da portare avanti, quindi siate creativi ma con un piano preciso da sviluppare e non dimenticatevi di divertirvi!

 

Foto copertina: © Pexels CC0

 

 

alt=scrittura

Momenti di pausa, scrittura come terapia #1

While Writing The Strokes – You only live once

Negli ultimi tempi soffro di iperattività.

Il mio intento principale durante la giornata è quello di avere sempre più cose da fare e di non fermarmi, non dare alla mia malinconia alcun motivo per affiorare a galla. A volte (non sempre) ascoltare di più gli altri che se stessi e svolgere quieti il proprio lavoro è un bene perché permette di applicarsi su quello che bisogna fare senza coinvolgimento emotivo, senza distrazioni.

Ovviamente, questa condizione di atarassia non può durare per sempre, un po’ come le non relazioni, prima o poi l’altro si innamora e allora la vita tranquilla di due anime che si incontrano senza sfiorarsi diventa insostenibile.

Ho bucato il palloncino in cui mi ero rinchiusa per andare avanti senza farmi domande su chi sono e cosa sto facendo, aprendo la vecchia casella di posta elettronica di Yahoo. Sono andata a ritroso nell’elenco delle email inviate fino al 2009.

L’ho fatto in un momento di pausa strappato per necessità ai ritmi serrati che non sono i miei, arrivando ad un periodo della mia adolescenza a cui oggi non rivolgo quasi mai un pensiero. Sono caduta in un vortice di ricordi che hanno fatto risvegliare alcune aree del mio io che pensavo di aver sepolto una volta per tutte, invece oggi tutto è sembrato esser di nuovo così reale, come i muscoli che mi tirano dopo le prime lezioni di pilates.

Non siamo mai come pensiamo di essere

Non ho ancora capito se dipende dal fatto che la vita che scorre per conto suo e non permette di fermarsi a osservare la propria immagine esatta riflessa sempre nella stessa acqua o perché, semplicemente, non ne avvertiamo il bisogno, fino a quando non commettiamo un errore come il mio e ci troviamo con gli occhi che a stento trattengono l’emozione, a rileggere le nostre email in Comic Sans del 2009.

In quegli anni ero un’adolescente che scriveva diari molto tristi, di quelli che si riempiono subito di inchiostro versato di getto, di sera, prima di andare a dormire. Scrivevo con foga con una mano che ancora non aveva affrontato prove più dure, come firmare correttamente il certificato della propria laurea triennale davanti al presidente della commissione tanto temuto, i contratti di affitto, le disdette, le denunce e lavori da trapezista digitale.

In quegli anni che oggi a rileggerli sembrano appartenuti a un’altra persona, penso di aver superato tutti i piccoli ma apparentemente invalicabili problemi della vita giovane che cambia e conosce il mondo al di fuori di essa sopratutto grazie ad alcune email conservate in questa casella di posta.

Nel 2009 il Liceo Classico era il luogo in cui per la prima volta ho posato uno sguardo consapevole su me stessa, per dirlo alla Yourcenar, circondata da altri sguardi che non sempre guardavano nella stessa direzione del mio. In quegli anni ho però avuto la grande fortuna di scontrarmi e poi trovare conforto in occhi di professoresse amiche che mi hanno guardato in modo diverso.

Devo a due occhi azzurri e a una fievole voce il merito di avermi fatto conoscere le Memorie di Adriano nell’inverno del 2006 e ascoltato le mie parole attraverso i quaderni dei temi per casa, a due occhi castani e un sorriso che regala pace le lacrime che ho versato a rileggere la mia confessione di fragilità e di paura di fronte a una vita che è quella che vivo ora.

Le vecchie motivazioni

Alcune incertezze dei 18 anni sono identiche a oggi, come il non sapere ancora quale sia la mia casa e la mia direzione, se preferisco il dolce al salato, e forse ci voleva proprio questo tuffo nel passato passato per ritrovare le motivazioni che a volte mancano oggi, quando di mattina rimango nel letto a pensare a un motivo valido per svegliarmi presto e togliermi il pigiama.

Uno dei motivi validi nel 2009 era l’edizione Oxford del Simposio di Platone del Dover, che la prof della corrispondenza elettronica mi aveva prestato. Dico sul serio, non sapete come quella bella edizione giallo-verde di Platone mi abbia cambiato la vita, dell’emozione di avere un’edizione critica in mano e un’amica con cui parlarne che non mi prendesse in giro per come trascorrevo i miei pomeriggi. Mi rivedo oggi china su quel vocabolario, mentre pensavo a come sarebbe stato fare questo per tutta la vita, abbandonare la certezza degli esercizi di matematica e iscriversi a Lettere Classiche, con tutte le conseguenze che questa scelta avrebbe comportato.

Nella mia vecchia posta di Yahoo leggo delle traduzioni di greco, delle perplessità riguardo agli anni che si sono succeduti con una velocità tale che mi è impossibile raccontarli, delle delusioni per amicizie finite e della paura di non esser all’altezza delle mie aspettative e dei miei sogni che mi ha stroncato non poche opportunità.

Sorrido.

Sono io, oggi non mi era chiaro, mentre pensavo che sarebbe stato meglio rimanere a dormire, lasciar perdere tutto, non riaprire quei libri, non fare quella lezione di latino, non tradurre quei documenti. Sono ancora io, adesso che mi sono fermata e uscita per un attimo dai binari che ho costruito per la mia vita, mi guardo e vedo me che nel 2010 pensavo di non riuscire a far niente di buono in una nuova città, con l’esame di Latino e Glottologia alle porte che mi avevano allontanato dalla mie quotidiane divagazioni.

Momenti di pausa

Niente negli ultimi giorni è stato più impegnativo di questo sforzo di rimanere ferma a pensare a me stessa. Ho scoperto che se la voce trema ancora quando leggo di determinati eventi della mia vita, delle mie vecchie ragioni che ora si sono materializzate in una quasi professione, allora l’insegnamento di onestà intellettuale delle mie care prof è servito a qualcosa.

Ho capito che un momento di pausa, una mattina sotto le coperte con gli occhi gonfi di sonno sono più importanti della continua corsa contro le deadline e che, se un giorno perdiamo il filo di tutto il nostro agire, ci sarà sempre un posto in cui abbiamo conservato una foto di noi stessi, un libro, una manciata di email che ci rinfrescheranno la memoria sulla domanda di sempre

Da dove veniamo?Chi siamo? Dove andiamo?

alt=scrittura come terapia
Paul Gauguin http://www.tuttartpitturasculturapoesiamusica.com

 

alt=Iran

Un breve viaggio in Iran dal salotto di casa

Se state cercando una guida sicura che possa condurvi nei migliori angoli dell’Iran, questo non è un articolo adatto a voi. Non penso che si possa descrivere un posto attraverso un’accurata lista dei suoi angoli più belli, soprattutto un’intera nazione che è un insieme di colori, musiche e profumi diversi.

In Iran tutti questi elementi non sono sempre in armonia tra di loro, i colori e il paesaggio variano da regione a regione, le musiche e gli accenti stridono tra di loro e se non si è preparati si finisce col divenire molto confusi e perdersi per le lunghe strade che l’attraversano.

Esiste però un’armonia di fondo, qualcosa che racconta il luogo che tanti sognano e temono visitare, che è possibile iniziare a conoscere anche dalla propria casa.

Tenetevi pronti per il viaggio e preparate il vostro olfatto.

Il modo più veloce di raggiungere l’Iran è viaggiare coi suoi profumi inebrianti. Non parlo di madeleine proustiane, ma di un ottimo té da gustare in salotto, accompagnato da svariati dolci speziati, dove il baklava con pistacchi sovrasta tutti gli altri.Se penso alla prima cosa che mi ricorda l’Iran, qui nella mia casa in Italia, questa è proprio il persistente profumo del té nella casa dei miei zii e, ogni volta che lo preparo come vuole la tradizioni i km di distanza si annullano. Forse non lo sapete, ma l’Iran è uno dei maggiori produttori di tè dell’Oriente, insieme a India e Cina, in particolare di una varietà di tè nero intenso e dal gusto deciso, coltivato nelle regioni del nord di Kerman e Rasfanjan.

Non esiste iraniano che non ami il tè, e soprattutto che non ceda al rito del tè, il quale non si ferma tra le mura domestiche ma continua a esser praticato anche all’aperto, nelle sale da té (chaikhanehs) e persino nei bazar. Ogni commerciante ha con sè un bollitore su cui ripone la propria teiera, pronto a offrire una tazza della sua calda bevanda al primo interessato alla propria merce. Il té è un momento di massima condivisione e non si nega a nessuno, così come è poco consigliabile rifiutare un’offerta del genere.alt= Iran

Per prima cosa, prima di partire per questo viaggio, assicuratevi di avere abbastanza tempo a vostra disposizione, scegliete una lunga domenica pomeriggio. Non vestitevi ma rimanete in pigiama, abbigliamento prediletto dai persiani tant’è che il termine comunemente usato in italiano per indicare questo indumento deriva appunto dal farsi پايجامهpayjama e non abbiate fretta. Siate gentili con voi stessi e con chi avete intenzione di condividere questo momento, perché la gentilezza in Iran viene prima di tutto e non è pensabile non circondare di attenzioni le persone che si hanno vicino.

Bene, ora procuratevi una teiera e non immergetevi dentro una bustina di tè qualsiasi, ma delle belle foglie sfuse di tè nero e dei petali di rosa da adagiare sul filtro da ricoprire di acqua calda ma non bollente. Se avete una teiera trasparente, potrete godere di questa bevanda anche con gli occhi, perché il tè nero persiano è ben riconoscibile per il suo colore rosso intenso, visibilmente differente da un’altra varietà molto consumata in Iran, il Ceylon Tea. Non versatelo in tazze di ceramica ma in piccoli bicchieri di vetro, in modo da continuare a godere di questo rosso rubino.

Una volta pronto, non zuccheratelo ma prendete delle zollette di zucchero da posizionare tra i denti. In Iran, per non alterare il gusto originario della bevanda, si usa berla filtrandola attraverso dello zucchero grezzo oppure accompagnarla con dolci a base di pasta di mandorle, miele o zucchero in abbondanza, grazie ai quali quindi non è necessario zuccherare il tè.

Un passaggio da non saltare è la scelta dell’angolo della casa da cui gustare questa bevanda. In Iran si è soliti sedersi per terra, su un tappeto, a gambe incrociate. Quando si entra in una sala da tè o in un ristorante tradizionale, le persone del luogo non hanno problemi a consumare i propri pasti lentamente e a gambe incrociate, ma sono consapevoli che questa posizione crea un bel po’ di disagi agli occidentali, motivo per cui è possibile chiedere anche di potersi sedere su delle sedie e mangiare su tavoli occidentali.

La differenza culturale più grande tra Oriente e Occidente che il consumo del tè mi ha insegnato nel tempo è proprio il contrasto tra vita verticale e orizzontale. Il dinamismo Occidentale non è una colpa ma qualcosa che ci contraddistingue come popolo attivo e energico, in grado di rincorrere i tempi imposti da una società orientata al raggiungimento di obiettivi, gare di velocità che prevedono piccole pause dedicate ad un caffè preso al volo.

Il rituale orientale del tè, in questo caso il rituale iraniano, nasce invece da una cultura che ha costruito le sue basi su un pensiero orizzontale, alimentato da lunghe ore di ozio accompagnate da una bevanda che non permette di esser goduta di corsa, nemmeno ai frenetici abitanti di Teheran.

Quindi, concedetevi di bere una buona tazza di tè osservando la vostra casa dal pavimento, senza la rigida necessità di una sedia, e non provate a riempire questo tempo con qualcosa di utile. Il rito del tè in Iran non prevede altre attività se non l’ascolto di musica, la lettura di un libro, o l’aspirare del tabacco aromatizzato dal beccuccio di un narghilè.

Contemplata dal basso, d’improvviso ogni cosa prenderà una piega diversa, così come testimonia anche Hermann Hesse ne La nevrosi si può vincere, una raccolta di riflessioni spirituali ispirate dagli studi psicoanalitici del suo tempo sorprendentemente attuali, in cui l’autore confessa di aver trovato, se non una cura, almeno un sollievo nell’adottare alcune pratiche orientali come la meditazione o appunto, l’ozio.

Quindi, prima di partire fisicamente alla scoperta di una nazione così ricca di sfaccettature diverse, preparatevi all’arte dell’ozio, che non è perdere tempo ma non lasciarlo passare invano e prenderne coscienza.