ambito umanistico

2 articoli

alt= lingua

Dimmi come impari una lingua e ti dirò chi sei

Nel 2010, quando mi iscrissi al corso di Lettere Classiche, pensavo che avrei studiato e tradotto solo testi di lingua greca e latina e, ovviamente, studiato linguistica e letteratura italiana.

Dopo qualche settimana dall’iscrizione scoprii che le materie che mi interessavano di più richiedevano la conoscenza di altre lingue per esser studiate bene. Iniziai da zero un corso di tedesco per umanisti erogato dall’Università e scoprii l’esistenza di una lingua molto simile al latino ma ancora parlata da milioni di persone.

I professori di greco e di glottologia ci consigliavano vivamente di leggere testi di ricercatori stranieri, e così l’apprendimento di altre lingue è diventato una necessità. Al corso di tedesco ci consigliarono un approccio su cui non avrei scommesso nemmeno un euro, Leggere il tedesco per gli studi umanistici, integrato da lunghe schede di termini settoriali da imparare e da lezioni di grammatica di base.

In poco tempo, non so come, ero quasi perfettamente in grado di leggere e capire un testo di letteratura, archeologia o filosofia. Non sapevo dire “ciao, come stai?” ma riuscivo ad analizzare la costruzione del periodo, non sapevo produrre niente di originale in lingua ma una parte dei miei problemi con i classici in tedesco si erano risolti.

Ho pensato a lungo a questo metodo di apprendimento della lingua, a mio avviso non esauriente, anche quando iniziai a frequentare altri corsi, questa volta nel Centro Linguistico dell’Università. Si accedeva attraverso dei test di livello ma ognuno dei partecipanti era diverso dall’altro, con studi e inclinazioni differenti.

Non eravamo una classe uniforme ma persone adulte con metodi di studio diversi.

Con l’avanzare di livello si evidenziavano sempre di più i nostri punti forti e le nostre difficoltà, ma l’esame lo passavamo lo stesso, a volte con un risultato identico ma che nascondeva dentro di sé la somma di voti diversi.

Dopo anni passati a confrontarmi ogni giorno con lo studio di lingue classiche e moderne, ho capito che non è possibile imparare una lingua allo stesso modo degli altri, o meglio, di fronte a un sistema comunicativo da apprendere, ognuno reagisce in modo diverso. La lezione di inglese perfetta non esiste, ci sarà sempre qualcosa che capiremo di meno. A fare la differenza è solo la tenacia e la forza di volontà.

Di recente, ho trovato delle risposte ai miei dubbi su un libro di Balboni, Fare educazione linguistica, in cui si parla di molteplici intelligenze e stili di apprendimento.

Quando impariamo una lingua non stimoliamo solo un settore del nostro cervello, ma ognuno di noi predilige un particolare tipo di intelligenza per l’apprendimento linguistico.

Tra questi tipi ricordo l’intelligenza linguistica, che si sviluppa maggiormente con la lettura e traduzione dei testi letterari, si interessa di cogliere le sfumature di significato e di scegliere le parole opportune al contesto. L’intelligenza logico-matematica, invece, si basa soprattutto sulle conoscenze grammaticali, Non si presta molta attenzione alle sfumature ma piuttosto alla costruzione delle parole e delle frasi, elaborando così un pensiero analitico e critico. L’intelligenza spaziale sfrutta le immagini e la disposizione di parole nello spazio, così come quella musicale l’apprendimento attraverso l’ascolto di testi in lingua straniera. In tutto questo, gioca spesso un ruolo fondamentale l’intelligenza personale, influenzata da un carattere introverso o estroverso.

Pensateci. Quanto influisce o ha influito il vostro carattere personale sul rendimento scolastico e sull’apprendimento di una lingua straniera?

Per quanto mi riguarda, molto, soprattutto perché il mio carattere introverso mi ha permesso di sviluppare competenze di analisi e di produzione scritta, ma ha rappresentato un ostacolo quando dovevo confrontarmi con altri in classe nella produzione orale. Ho avuto la fortuna di incontrare professoresse che mi hanno letteralmente costretto a partecipare ai giochi linguistici e alla produzione di dialoghi e di trovarmi in situazioni in cui parlare era una questione di vitale importanza all’estero.

Non bisogna fossilizzarsi su un solo aspetto ma cercare di attivare quante più intelligenze possibili, riconoscere la propria comfort zone, farsi coraggio e uscire fuori dal guscio.

Tutte queste componenti, presenti in ognuno di noi, influiscono sullo stile di apprendimento.

Lo stile analitico è quello che sfrutta maggiormente l’intelligenza logico matematica e che rifiuta attività creative poco strutturate, come l’apprendimento attraverso la produzione di testi o dialoghi immaginari. Si prediligono invece esercizi chiari e sistematici, come nello stile ideativo in cui ci si basa sulla teoria e si preferiscono esercizi di grammatica in cui è possibile applicare le regole apprese.

Un particolare tipo di apprendimento è quello esecutivo, per il quale si è predisposti a svolgere molti esercizi e a imparare dai propri errori.Si dice spesso che sbagliando si impara, ma a volte accettare di aver sbagliato non è così semplice, soprattutto quando da piccoli ci hanno terrorizzato e punito per gli errori commessi. Non tutti la prendono bene, insomma, e per questo  si fa distinzione tra chi sfrutta gli errori per imparare e chi invece li accetta difficilmente.

Un’altra contrapposizione si nota dalla tolleranza verso l’ambiguità di un testo, propria di chi ha uno stile di apprendimento globale, in grado di cogliere il significato di un testo anche quando alcuni aspetti non sono chiari, e chi invece, seguendo lo stile analitico, non accetta qualcosa di poco chiaro o che non sia in grado di spiegare attraverso delle regole.

Detto questo, vi sarà chiaro che il lavoro di chi sta in cattedra è molto più complesso di quanto si pensi, perché bisogna garantire a tutti i partecipanti di raggiungere un livello omogeneo, senza lasciare nessuno da solo.

Saper riconoscere il tipo di intelligenza su cui siamo forti ci permette di capire perché amiamo o odiamo eseguire un determinato esercizio e, allo stesso tempo, perché sforzarci di farlo sia necessario per non rimanere carenti in alcuni aspetti.

Imparare una lingua, così, diventa metafora di crescita individuale perché aiuta a forgiare il nostro carattere, a migliorare il nostro rapporto con gli altri e educa al rispetto delle regole quando ci troviamo a partecipare a quegli apparentemente ridicoli giochi dell’oca di gruppo. In questo caso, tra l’altro, influisce anche un altro fattore fondamentale nel lavoro e nello studio, il gioco, di cui parlerò un’altra volta.

E voi? Com’è stata la vostra esperienza con lo studio delle lingue?

 

 

 

 


Storie di lavoro digitale 1. Quando lo stage non è formativo

Subito dopo la laurea, quando ho iniziato a pensare al lavoro, ho scoperto forse troppo tardi che le skills necessarie per districarmi nella nuova jungla in cui mi trovavo fossero “semplicemente” la capacità di parlare di sé per iscritto e a voce con una discreta sicurezza di sé, controllando la proprie emozioni, lavorare bene con la tecnologia e rimanere mentalmente attiva, non spegnermi e demoralizzarmi di fronte a nuovi requisiti di abilità e conoscenze da acquisire.

In altre parole, dopo l’Università, che, almeno in Italia, come scopo principale al di là delle mere nozioni ha lo scopo di insegnare il metodo, la formazione vera, quella che passa dalle parole ai fatti, avviene nel mondo del lavoro.

Sono ancora convinta, in base alla maggior parte delle persone che ho conosciuto, che la motivazione e l’interesse reale per un determinato ambito siano fondamentali per ottenere buoni risultati e nei tempi giusti, perché per quanto possiamo esser diligenti e ostinati, alcune strade possono non fare per noi e il tempo passato a cercare di perseguire un obiettivo che non ci entusiasma e per cui non siamo portati non ci insegna nulla, se non la rassegnazione.

Non sono pensieri buttati su carta, o meglio un blog, così, solo per ribadire l’importanza dell’inseguimento dei propri sogni, ma per raccontare il percorso tipico di un laureato nel mondo del capitalismo digitale. Lo hanno definito con questi termini altri prima di me, ma dopo alcune esperienze di sfruttamento, in cui di abilità se ne acquisivano poche, così come pochi erano i guadagni a fine mese e le soddisfazioni personali, penso che non esistano parole migliori per descrivere la realtà di chi voglia trovare un’occupazione in linea con le proprie capacità o che almeno valga la pena svolgere senza provare un senso di repulsione.

La prima proposta di lavoro per un neolaureato (ora mi concentro sull’ambito umanistico perché è quello che conosco meglio), salvo casi eccezionali, è lo stage. Lo stage, però, non è considerato dallo stato rapporto di lavoro ma mero periodo di formazione, in cui un tutor deve occuparsi delle mansioni da affidare al praticante, concedendogli quindi l’opportunità di diventare sicuro e indipendente. Alla fine dello stage, sempre secondo le regole, dovrebbe esser possibile assumere il candidato e quindi passare da un rapporto di somministrazione di conoscenze a rapporto di lavoro.

Nella realtà, molte delle offerte di stage per cui possa valere la pena candidarsi sono riservate a persone che hanno già gran parte di queste conoscenze, spesso non acquisite durante il periodo di studio base. Rimangono così a disposizione stage in cui si ha poco da imparare, se non a rispettare gli orari di ufficio e la gerarchia di un’agenzia o società e svolgere delle mansioni che nessuno posto più in alto ha più interesse di svolgere. A questo punto, i tanti stage formativi proposti, con quasi 40 ore settimanali per poco più di 500 euro mensili (nei casi migliori) a chi dovrebbero far gola?

In un mondo del lavoro coerente con la formazione e le aspettative dei giovani, a nessuno, perché il primo insegnamento che ognuno dovrebbe ricevere è che non bisogna mai scendere sotto un certo livello di compromesso, non bisogna svendere la propria forza lavoro. La svendita delle competente tuttavia persevera, vista l’esistenza di aspiranti lavoratori pronti a tutto pur di far carriera in un ambiente di lavoro che di solito negli annunci si descrive idealmente come “flessibile, giovane e dinamico, aperto alla continua formazione” e poi si traduce con un ufficio in cui il sistema operativo più aggiornato è XP, le videoconferenze sono creazione del demonio e ognuno si arrangia a fare quel che può fino a quando non può tornare finalmente a casa.

Per il lavoro digitale le dinamiche sono molto simili, con l’aggravante che in Italia queste professioni non sono ancora formalmente riconosciute, e si finisce per essere quello che scrive bene senza guardare la tastiera, quello che sta al computer e si diverte con non so cosa. Il webriter, quindi, secondo molte agenzie e privati si accontenta anche di 1 centesimo a parola, perché non gli pesa stare dietro uno schermo, si diverte e ama scrivere.

Non pensavo di dover ricordare ad alcuni recruiters che spesso l’amore è nutrito di sofferenza e sacrifici, ma è grazie a esperienze del genere che ho capito che spesso risulta essere più produttivo un breve periodo di volontariato, o di collaborazione occasionale, piuttosto che uno stage per un’agenzia di comunicazione che vi farà vedere solo da lontano gli strumenti del mestiere.

Non è semplice trovare l’ambiente adatto a sé, in cui svolgere un’esperienza volontaria in grado di ripagare in formazione di alto livello, ma una buona strada da seguire è quella di proporsi ad agenzie, giornali, blog che noi stessi seguiamo con attenzione perché ne amiamo l’approccio comunicativo proposto o pensiamo che potrebbe esser utile per colmare le nostre lacune. In questo caso, una collaborazione, seppur a titolo gratuito, si rivela ricca di risorse e ci aiuta a credere in noi stessi.

Mi direte: “bene, ma se non mi pagano non ha senso, meglio guadagnare almeno 1 centesimo a parola!”

E potrei allora chiederti se consideri una remunerazione del genere per un lavoro fatto male sufficiente per vivere. Non penso che riuscirai a rispondermi positivamente.

In nessuna fase della carriera svendere la propria professionalità o sopportare condizioni di lavoro che non ci fanno vivere in modo adeguato è accettabile. Mentre pensiamo di star facendo qualcosa, anche a se a basso costo e senza soddisfazioni personali, si favorisce soltanto il mercato del ribasso delle professioni umanistiche, dando spazio ad altre opportunità di sfruttamento.

Non ho certamente una risposta vincente che possa portare tutti a concretizzare le proprie aspirazioni, ma so per certo che il primo passo è capire realmente cosa si vuole diventare, cosa ci fa sentire in pace con noi stessi e non perdere mai di vista l’obiettivo, anche mentre siamo intenti a fare tutt’altro pur di mantenerci, perché una crisi è solo un momento di transizione verso un periodo migliore.

“Sono qui per una ragione ben precisa; questi momenti – il lato brutto della vita – si trasformeranno in altrettante pagine.”

John Fante, Chiedi alla polvere

Immagine di copertina: ©Arol Lightfoot  Dreams

CC BY-SA 2.0