#hashtag

1 articolo

alt=Instagram

Alcune cose che dovresti sapere su Instagram

Parliamo di Instagram.

Instagram per me è un social media recente, l’ultimo che ho aperto, nel 2014, e l’ultimo per ordine di importanza, fino a poco tempo fa. Non me ne sono accorta presto dell’Importanza di Instagram perché, puntando tutto su Facebook e sulla possibilità di scrivere lunghi post senza i limiti di Twitter, le foto le avevo messe da parte.

Col senno di poi, oggi avrei una galleria più ricca e variegata, ma come spesso mi accade quando viaggio e vedo un posto per la prima volta ho dei seri problemi a fermarmi a scattare delle foto. Non godere di quello che vedo al momento a pieno mi fa sentire un’idiota, eppure la maggior parte delle persone non si fanno problemi a farsi prendere dall’ansia per scattare la foto instagrammabile del momento. I tempi cambiano e se vogliamo stare al gioco, vivere i social e lavorarci usarli e sperimentare è d’obbligo.

Quindi, ho iniziato a prendere sul serio Instagram e vi assicuro che ho fatto bene.

La comunicazione visiva, lo sanno pure i muri ormai, è quella oggi ha più successo perché semplice, immediata, universale. Quando non sapete cosa dire o non avete il tempo di creare un contenuto articolato o vincente, basta pubblicare una foto e salvarsi dal silenzio stampa.

Funziona sempre, o quasi. Instagram si basa principalmente sulle foto, anche se un testo introduttivo all’immagine è consigliabile perché permette di comunicare con i propri followers e creare una sorta di filo narrativo da portare avanti sul proprio profilo. Coerenza e coesione sono necessari anche quando si racconta una storia attraverso le immagini, non esistono differenze nette tra narratologia scritta e visiva.

Ma veniamo al dunque di questo post. Vi ho promesso delle dritte per usare al meglio Instagram (anche se non voglio certo sostituire Dario Vignali) e qui vi lascio una lista di cose che ho capito grazie alla mia esperienza di social media e qualcosa.

Instagram non è una galleria di immagini

Instagram non è Flickr, una community di proprietà di Yahoo per fotografi professionisti e non. Instagram non è nemmeno Google Immagini e neanche un sito da cui scaricare foto. Instagram è un social network. Se ci sei e non sfrutti l’aspetto social, ci sei solo a metà. Se ci sei per scaricare le foto altrui, rischi delle sanzioni molto severe, non violare il copyright!

Essere social su Instagram vuol dire che se vuoi ottenere popolarità, engagement e un seguito reale devi interagire con gli altri. Cuori e commenti sinceri sotto ai post che ti interessano attireranno l’attenzione anche sul tuo profilo.

Non caricare stock photo per almeno due motivi

A meno che tu non sia un fotografo professionista, la foto stock si nota e non attira nessuno perché è priva della tua personalità. Su Instagram la creatività batte la perfezione: sempre. Il secondo motivo è legato ai diritti di utilizzo delle immagini altrui. Bisogna sempre accertarsi di poterle utilizzare a proprio piacimento.

Esistono due tipi di utenti di Instagram

Chi non ne trae alcun giovamento se non quello di mostrare agli altri la propria vita e le foto dei suoi viaggi e chi apre un profilo o una pagina aziendale per promuovere un’attività o se stesso e, non ci crederei, spesso viene anche pagato per farlo. Soprattutto in questo secondo caso, bisogna pensarci due volte prima di pubblicare foto private sul proprio canale. Non si può certo costruire un profilo con post esclusivamente promozionali, ma nemmeno di foto a caso che non permettano di costruirti un’identità su Instagram. Prima di andare online bisogna pensare al proprio obiettivo e alla strategia per raggiungerlo, creando un piano editoriale che abbracci i diversi argomenti che vogliamo affrontare.

La nicchia

Se hai già una nicchia di tuo interesse, che sia fashion, food, travel o quello che vuoi, potrai certamente sperimentare nella pubblicazione dei post ma saranno i tuoi stessi followers a farti capire che se ti seguono per le foto dei viaggi che pubblichi, per loro una foto del nuovo rossetto acquistato con i saldi non è interessante. Per variare gli argomenti e non lasciarne traccia sulla galleria, prova a usare di più le IG stories. Ti dico questo perché, in genere, non è consigliabile pubblicare e poi eliminare un post dal proprio profilo.

Uso degli Hashtag

Gli hashtag sono delle categorie in cui vogliamo che le nostre foto appaiano. Non esiste un numero magico valido per rendere la foto più visibile. Si legge spesso che bisogna usare almeno 12 hashtag, ma questo numero non ha alcun valore. Ciò che è certo è che il muro di hashtag sotto una foto senza didascalia non è ben visto dagli utenti. Molti preferiscono scrivere gli hashtag nel primo commento sotto alla foto, ma non si può superare il numero di 30 hashtag, altrimenti è Instagram stesso a vietare la pubblicazione del commento. Se invece ne scrive più di 30 sotto alla foto, potrebbe succedere di esser momentaneamente bloccati da Instagram. Meglio evitare.

I Bot di Instagram

Chiariamo subito una cosa. I bot non sono il male assoluto e non vuol dire che un utente stia comprando dei followers inesistenti. Comprare pacchetti di followers indiani e likes un tanto al kg è una cosa diversa e facilmente sgamabile. Esistono alcuni bot in grado di inviare messaggi automatici ai nuovi followers che per un profilo aziendale potrebbero esser molto utili, o bot che semplicemente ci sostituiscono nell’attività di follow/defollow secondo i parametri che noi forniamo al bot. Siamo noi a decidere quali caratteristiche debba avere il profilo da aggiungere alla nostra cerchia e la macchina fa il resto, facendoci risparmiare tempo.

Veniamo al lato negativo dei bot.

Anche se alcuni sono molto efficaci, pensare di lasciare Instagram in balia di bot è da matti e non può che rovinare il nostro profilo. Il bot è un aiuto ma la persona deve monitorarlo, altrimenti ci ritroveremmo dei profili pieni di nuovi likes e followers che non conosciamo, messaggi a cui non abbiamo risposto da settimane e alcuni profili che ci interessavano eliminati dalla nostra lista.Gli utenti affezionati se ne accorgono e si vendicheranno! Da usare con attenzione.

Esiste l’orario perfetto in cui pubblicare?

alt= instagram analytics

Dopo aver sperimentato ogni orario di pubblicazione, inoltrandomi fino alle 3 del mattino solo perché non riuscivo a dormire e avevo voglia di provare i filtri su delle foto che avevo scattato in passato, vi svelo che no, non esiste un orario perfetto per tutti.Devi analizzare i tuoi followers, il loro fuso orario, e ricordarti che in genere nel fine settimana le persone sono meno attive sui social, così come durante gli orari d’ufficio. Se ti colleghi spesso in pausa pranzo, ricordarti che insieme a te anche gli altri utenti nel tuo stesso fuso orario stanno facendo una pausa e che magari per distrarsi stanno facendo un giro su Instagram.

Se hai un profilo aziendale, invece, la cosa più ovvia da fare è controllare le analytics di Instagram e vedere in quali orari in media i tuoi followers si trovano su instragram. Da queste analytics del mio profilo capisco che in media i miei followers non sono molto attivi dalle 2 fino alle 6 del mattino e che, invece, ho un’alta probabilità di trovarmeli online alle 14:00, così come alle 19:00.

Tutto quello che ho scritto non è definitivo. Ogni caso deve esser affrontato separatamente  perché solo voi conoscete il vostro pubblico! Detto questo, ve lo ripeto da scettica quale ero anche io all’inizio di questo percorso, Instagram è una cosa seria, soprattutto se avete un’attività da portare avanti, quindi siate creativi ma con un piano preciso da sviluppare e non dimenticatevi di divertirvi!

 

Foto copertina: © Pexels CC0